BCE e Bundesbank la guerra infinita

Giugno 10, 2013

bce bubaBce e Bundesbank la guerra infinita

Il piano ESM di Draghi sta passando attraverso il setaccio della Corte costituzionale tedesca di Karlsruhe che tra domani e mercoledì dovrà decidere sulla legalità del piano di acquisto di bond della Banca centrale europea, piano che, secondo la denuncia della Bundesbank, andrebbe al di là delle competenze dell’istituto centrale. In particolare, secondo quanto riferisce la Cnbc la Banca centrale tedesca ha criticato le "transazioni monetarie" (OMT) annunciate quasi un anno fa, nell’agosto del 2012 e che minerebbero la sovranità di bilancio tedesca così come anche l’azione della stessa Bce il cui bilancio sarebbe messo in serio pericolo proprio per l’acquisizione di titoli tossici. Non solo, ma il processo di finanziamento, una volta iniziato, potrebbe essere difficilmente controllabile.
la bce metterà un tetto allo scudo anti spread?: secondo il quotidiano tedesco la bce metterà un tetto di 524 miliardi di euro al cosiddetto scudo anti spread, il fondo che garantisce maggiore stabilità al debito degli stati in difficoltà. l'istituzione del fondo, oggetto di una faticosa negoziazione tra monti e merkel, in primis, ha permesso di far scendere lo spread sui debiti sovrani di italia e spagna. secondo alcuni critici, però, da quando esiste avrebbe fatto rilassare i governanti dei piigs rispetto alle manovre di correzione macroeconomica necessarie per uscire dalla crisi (frankfurt allgmeine)
Inoltre, fanno sapere dalla Buba, il compito della Bce sarebbe quello di monitorare lo stato dei prezzi nel medio periodo e garantire stabilità, non quello di favorire l’andamento della moneta unica o intervenire per la coesione dell’Unione. Ma proprio da questo punto parte la difesa della Bce secondo cui la stabilità finanziaria non può prescindere dalla situazione dei vari paesi e da quella “frammentazione” del mercato interno spesso citata dallo stesso Draghi nelle sue conferenze stampa e che, seppur in via di risanamento, è ancora pericolosamente presente all’interno del panorama europeo.

Anche se fino ad ora il vero e proprio piano ESM non è stato ancora messo in atto per nessun paese (l’anno scorso la Spagna era seriamente a rischio e ha evitato per un soffio la richiesta ufficiale), come “cavia” molti osservatori stanno considerando il primo scambio (20%) avvenuto proprio con il governo irlandese, una mossa che nelle istituzioni ha sollevato più di una critica.
Fonte trend online

Informazione finanziaria, consigli operativi e suggerimenti sui mercati finanziari
Basta avere paura quando gli altri sono avidi ed essere avidi quando gli altri hanno paura
                                                                                Warren Buffett
Ideato, progettato e realizzato con il ♥ by
Webmaster Roma