Cosa ci dice :Christophe Bernard, Chief Strategist di Vontobel

Settembre 6, 2012

 

ventobelfunfOspitiamo un post di Marco Barlassina (Finanza.com)

"Con una mossa che potrà sembrare controcorrente, abbiamo deciso di acquistare titoli di Stato italiani a lunga scadenza, perché offrivano un rendimento allettante e – a nostro parere – un basso rischio di downside". Lo spiega Christophe Bernard, Chief Strategist di Vontobel, in un commento al mercato dal titolo "Alla fin fine, tutte le strade portano a Roma". Nel documento Bernard spiega di aspettarsi che la Bce, insieme all'Efsf riesca a frenare l’ascesa dei tassi di interesse. "Essendo probabilmente troppo grande per un’operazione di salvataggio - si legge ancora - l’Italia è un paese chiave per il futuro dell’area dell’euro".

Vediamo perché dalle stesse parole dello strategist:
Da un lato (l’Italia, ndr) è il maggiore mercato obbligazionario d’Europa e il terzo del mondo dopo gli USA e il Giappone. L’Italia ha un pesante onere fiscale, con un rapporto debito-PIL del 120%. Per molto tempo ha registrato una crescita economica minima e ha perso di competitività dopo l’adozione dell’euro. D’altro canto, genera un notevole avanzo primario (pari quasi al 2% del PIL) e ha mantenuto stabile il rapporto debito -PIL dal 1992 (un’impresa senza pari tra i paesi dell’area dell’euro); inoltre sta attuando riforme strutturali e una profonda trasformazione del sistema pensionistico. La capacità dell’Italia di stabilizzare la dinamica del debito è molto maggiore di quanto pensino gran parte degli operatori.
Dire che gli attuali livelli dei tassi in Spagna e in Italia non sono accomodanti sarebbe un "understatement”. Al contrario: vista la situazione economica dei due paesi sono da considerarsi restrittivi. […] La causa è da attribuire alla mancanza di fiducia degli investitori nel futuro dell’euro e nella capacità della Spagna e dell’Italia di ottenere un livello di debito sostenibile.

 

Informazione finanziaria, consigli operativi e suggerimenti sui mercati finanziari
Basta avere paura quando gli altri sono avidi ed essere avidi quando gli altri hanno paura
                                                                                Warren Buffett