Indice chiude sotto 16200

Giugno 17, 2013

borsa usa 6Giornata difficile

Ovviamente per dire giornata difficile non ci riferiamo all'indice ma al fatto che la debacle di Saipem ci ha costretti a ridurre al 5% esposizione Eni , per non compromettere ulteriormente la performance e portarci ad una situazione tale che avremmo dovuto prendere decisioni ben più drastiche.Saipem ha perso quasi il 30% una vergogna in un mercato che vorrebbe tornare ad essere un mercato serio e distinguersi per concretezza.Il titolo Saipem non è una matricoletta oppure un titolo sottile è un'azienda del FTSE MIB di spessore e vedere un simile scempio è mi ripeto VERGOGNOSO!!!!

Per il resto Ansaldo tiene molto bene il range 7,4 / 7,75 eu,Fiat Ind è tornata su livelli più consoni alla fusione ma soprattutto al diritto di recesso, che ricordo è a 8,897 eu,Fiat ord ancora frastornata ma positiva,Enel si comincia a danzare per il dividendo molto bene,Eni ha subito il ritracciamento di Saipem e troppo ha retto ma non ci fidiamo....Telecom un po' d'ossigeno ci voleva,unicredit ha tentato di infrangere la barriera dei 4 eu ma invano e Intesa il  livello 1,365 eu comunque bene,Finmeccanica ottima reazione ha messo a segno un bel 2,5% .Mercato che si dirige verso 16700 come vi avevamo segnalato venerdi,anche se la chiusura di 16197 punti sotto il livello di resistenza non è un segnale favorevole.
L'indice Americano si mantiene su ottimi livelli e adesso gli occhi sono puntati sulla riunione di mercoledi dela Fed dove Bernanke ci farà sapere quando  e se terminerà il QE

 

Informazione finanziaria, consigli operativi e suggerimenti sui mercati finanziari
Basta avere paura quando gli altri sono avidi ed essere avidi quando gli altri hanno paura
                                                                                Warren Buffett
Ideato, progettato e realizzato con il ♥ by
Webmaster Roma