Queste sono le città più e meno costose del mondo

Dicembre 9, 2022

prezzi nelle grandi città di tutto il mondo sono aumentati in media dell'8,1% in valuta locale nell'ultimo anno, secondo l'ultima indagine sul costo della vita globale dell'EIU, una società partner di The Economist. La guerra di Vladimir Putin è una delle cause. I prezzi dell'energia sono aumentati in media del 29% in Europa occidentale e dell'11% in tutto il mondo dallo scorso anno, esacerbati dall'invasione russa dell'Ucraina a febbraio.

Anche il costo del cibo è aumentato. Russia e Ucraina sono i principali produttori di cereali, sementi e fertilizzanti e i prezzi alimentari mondiali stanno aumentando al ritmo più rapido di questo secolo. L'impatto delle restrizioni per il Covid-19 della Cina sulle catene di approvvigionamento globali è un altro fattore. Nel complesso, l'indagine, che confronta i prezzi di oltre 200 prodotti e servizi in più di 170 città, rileva che il costo della vita sta aumentando al ritmo più rapido degli ultimi 20 anni. E questo grafico rivela quali sono le città più costose in cui vivere e quali le più economiche.

Singapore, che si è classificata al primo posto ogni anno dal 2014 al 2019, è ancora una volta la città più costosa del mondo, anche se condivide questo dubbio riconoscimento con New York, la città di riferimento del sondaggio. I prezzi sono in aumento in tutta l'America: con sei delle 10 città che maggiormente hanno registrato un aumento, tra cui Atlanta e Boston. I due maggiori aumenti, tuttavia, sono stati in Russia: a San Pietroburgo e Mosca. Le sanzioni occidentali imposte dopo che la Russia ha invaso l'Ucraina hanno spinto verso l'alto i prezzi locali e, secondo il sondaggio, l'inflazione a Mosca è ora del 17,1% (a/a) in valuta locale, mentre a San Pietroburgo ha raggiunto il 19,4%. Damasco, in Siria, rimane in fondo alla classifica, ben dietro la capitale libica Tripoli.

Ci sono buone notizie in arrivo. I problemi della catena di approvvigionamento dovrebbero iniziare a dissiparsi man mano che la domanda si attenua e il costo dei container marittimi diminuisce. Il Drewry World Container Index è in calo del 74% anno su anno. E, a meno che la guerra in Ucraina non si intensifichi, l'EIU prevede che i prezzi di energia, cibo e metalli scenderanno il prossimo anno. Nel complesso, la previsione EIU per il 2023 è che l'inflazione globale dei prezzi al consumo diminuisca da una media del 9,4% quest'anno al 6,5%. Sebbene siano valori ancora alti, questo dovrebbe significare un po' di sollievo alle famiglie in difficoltà nel nuovo anno.

Informazione finanziaria, consigli operativi e suggerimenti sui mercati finanziari
Basta avere paura quando gli altri sono avidi ed essere avidi quando gli altri hanno paura
                                                                                Warren Buffett