RUMORS DEL 23 DICEMBRE

Dicembre 23, 2016

telecomRUMORS DEL 23 DICEMBRE

TELECOM

La Stampa rilancia l'ipotesi secondo cui la Cassa depositi e prestiti entri nel capitale allo scopo di bloccarne la vendita ad Orange e costringere Vincent Bolloré a trattare su Mediaset e Generali Secondo il quotidiano, l'investimento della Cdp sarebbe pari a 2,5 miliardi di euro, per pareggiare il 24% in mano a Vivendì.
MF scrive che Bolloré a maggio, in occasione dell'assemblea, potrebbe chiedere la riduzione del cda a undici da sedici membri, al fine di blindarne il controllo.

UNICREDIT

Il Sole 24Ore scrive che Qatar Investment Authority ha preso in esame il dossier dell'aumento di capitale. da 13 miliardi di euro. Il fondo si è appena defilato dall'aumento di capitale in Monte dei Paschi.
I joint bookrunner dell'aumento di capitale sono Banca Imi, Banco Santander, Barclays, Bbva, Bnp Paribas, Commerzbank, Credit Agricole, Natixis e Societe Generale.

MEDIASET

Come promesso Vivendi è salita al 29,94% dei diritti di voto di Mediaset (28,8% del capitale) portandosi a un passo dalla soglia dell'Opa obbligatoria. Ora il gruppo guidato da Vincent Bolloré o si ferma nella scalata o dovrà lanciare un'Opa. Da parte sua la famiglia Berlusconi sposta la battaglia su un altro terreno Il cfo del gruppo Marco Giordani, è stato ascoltato in Consob sulla scalata lanciata da Vivendi. Mediaset nei giorni scorsi aveva presentato un esposto alla Commissione, chiedendo di accertare se la manovra dei francesi possa configurare una manipolazione di mercato e un abuso di informazioni privilegiate. Dopo aver ascoltato Giordani, i tecnici della Consob si sono confrontati con l'AgCom, a cui pure si è rivolta Mediaset. L'Authority deve valutare se Vivendi, che ha anche il 23,8% di Telecom Italia, può detenere un pacchetto qualificato di azioni Mediaset o se infrange la Legge Gasparri.Se così fosse i francesi dovrebbero ridurre una delle due quote e difficilmente mollerebbero Telecom.

FISCO

Sul fronte della pressione fiscale, in virtù delle novità che scatteranno dal primo gennaio, a seguito delle decisioni prese con la legge di Bilancio 2017 e con le leggi di Stabilità redatte negli anni precedenti, secondo la Cgia di Mestre le famiglie dovrebbero risparmiare 2,9 miliardi e le imprese 4,5. Il condizionale, per l'Ufficio studi della Cgia, è d'obbligo, visto che l’analisi è al netto di un’eventuale manovra correttiva e la quasi totalità delle misure previste nel 2017 non interesseranno in egual misura tutti i contribuenti italiani.

MPS

I vertici del Monte hanno comunicato nella serata di ieri il fallimento del tentativo di ricapitalizzazione da 5 miliardi che era stato concordato con la Bce e che si sarebbe dovuto chiudere entro il prossimo 31 dicembre.A seguito di questo esito negativo i vertici della banca hanno chiesto il sostegno dello Stato per attuare una ricapitalizzazione precauzionale che metta in sicurezza l'istituto.Il decreto del Governo non si e' fatto attendere ed e' stato varato in poche ore, con l'obiettivo di tutelare i risparmiatori della banca. Infatti il Governo ha definito il decreto 'salvarisparmio', aggiungendo che le modalita' operative contenute in esso sono state concordate con le autorita' europee.Il decreto prevede la creazione di un fondo ad hoc, finanziato dall'aumento del deficit di 20 miliardi approvato dal Parlamento, che garantira' sia la liquidita' sia il patrimonio attraverso garanzie e ricapitalizzazioni.Attraverso l'operazione di ricapitalizzazione preventiva, lo Stato, tramite il Tesoro, diventera' il primo azionista di Mps, per poi rimettere le quote sul mercato una volta risanato l'istituto. L'ammontare dell'intervento sara' sufficiente a colmare i requisiti di capitale identificati con gli stress test.Il Ministro dell'economia Padoan ha anche confermato che gli obbligazionisti retail saranno tutelati al 100% attraverso un’operazione che prevede in un primo tempo la conversione delle obbligazioni subordinate in azioni e, dopo l'acquisto di tali titoli da parte dello Stato, la corresponsione agli azionisti retail di obbligazioni ordinarie di valore pari al investimento iniziale.Si ricorda, che a seguito del mancato perfezionamento dell'aumento di capitale, l’operazione di cartolarizzazione di 27 miliardi di sofferenze e' stata annullata, anche se non si esclude che possa essere rimessa in piedi dopo l'intervento statale.

Informazione finanziaria, consigli operativi e suggerimenti sui mercati finanziari
Basta avere paura quando gli altri sono avidi ed essere avidi quando gli altri hanno paura
                                                                                Warren Buffett